Euganeo

Stadio Euganeo

stadio euganeo-2-2

Riqualificazione dello stadio Euganeo e della zona di Padova Ovest: Clicca qui

Indirizzo: Viale Nereo Rocco, 60 – 35135 Padova
Inizio costruzione: 2 dicembre 1989
Inaugurazione: 19 giugno 1994
Capienza: 32.420 posti (Omologato a 11.000 per la stagione 2018/19)

Prima partita del Calcio Padova: 31 agosto 1994, Secondo turno di Coppa Italia: Padova-Inter 0-3
Record di spettatori (Calcio Padova): 27 agosto 1995, Padova-Milan 1-2: 26.372 spettatori totali (16.509 paganti e 9.818 abbonati) per un incasso di 1.232.478.000 lire
Record di spettatori (assoluto): 8 novembre 2008, test-match di rugby: Italia-Australia 20-30. 32.420 spettatori

Ristrutturazione

1998-99: Costruzione del settore Curva Sud speculare alla Curva Nord, ampliamento di entrambe le curve portandole a capienza finita di 3.318 posti, costruzione dei pannelli di raccordo a chiusura dei quattro angoli dello stadio, copertura delle Gradinate Est ed Ovest

Altri eventi e squadre ospitate

1994-2018: Meeting Internazionale “Città di Padova” di Atletica Leggera
8 settembre 2000: Concerto di Ligabue, “Sulla mia strada Tour 2000”
2000-2002: Cittadella, campionato di serie B
27 giugno 2001: Concerto di Bon Jovi, “One Wild Night Tour 2001”
28 settembre 2001: Concerto di Vasco Rossi, “Stupido Hotel Live”
23 giugno 2003: Concerto di Claudio Baglioni, “Tutto in un abbraccio Tour”
22 luglio 2003: Concerto dei R.E.M, “REM Tour 2003”
29 giugno 2004: Concerto Metallica + Slipknot + Los Prophets
13 luglio 2004: Concerto di Eros Ramazzotti, “World Tour 2003/04”
15 settembre 2004: Concerto di Vasco Rossi, “Buoni o cattivi Tour”
30 marzo 2005: Amichevole Nazionale Italiana di calcio: Italia-Islanda 0-0
11 settembre 2005: Treviso-Livorno, serie A
21 settembre 2005: Treviso-Sampdoria, serie A
25 settembre 2005: Treviso-Milan, serie A
14 luglio 2006: Concerto di Ligabue, “Nome e Cognome Tour”
26 maggio 2007: Concerto di Renato Zero, “mpZer0 Tour”
8 novembre 2008: Test match Nazionale Italiana di rugby: Italia-Australia 20-30
20 luglio 2010: Concerto di Ligabue, “Tour 2010 – Stadi”
20 novembre 2010: Qualificazioni mondiali di calcio femminile: Italia-Stati Uniti 0-1
13 aprile 2011: Amichevole Nazionale Under 21: Italia-Russia 2-0
31 maggio 2013: Concerto di Bruce Springsteen, “Wrecking Ball Tour 2013”
13 luglio 2013: Concerto di Jovanotti, “Lorenzo negli stadi 2013”
26 luglio 2013: Concerto di Rogers Waters. “The Wall Live”
12 luglio 2014: Concerto di Ligabue, “Mondovisione Tour”
22 novembre 2014: Test match Nazionale Italiana di rugby: Italia-Sudafrica 6-22
2014/15: Atletico San Paolo Padova, Campionato di serie D
30 giugno 2015: Concerto di Jovanotti, “Lorenzo negli stadi 2015”
12-13 luglio 2015: Doppio concerto di Vasco Rossi, “Live Kom ‘015 Tour”
25 marzo 2016: Elite Round Campionato Europeo Under 19: Italia-Israele 4-0
27 marzo 2016: Elite Round Campionato Europeo Under 19: Italia-Svizzera 2-0
30 marzo 2016: Elite Round Campionato Europeo Under 19: Svizzera-Israele 0-2
26 novembre 2016: Test match Nazionale Italiana di rugby: Italia-Tonga 17-19
25 novembre 2017: Test match Nazionale Italiana di rugby: Italia-Sudafrica 6-35
6-7 giugno 2018: Doppio concerto di Vasco Rossi, “Vasco Non Stop Live 2018”
24 giugno 2018: Concerto dei Pearl Jam, “Europe Tour Live 2018”
17 novembre 2018: Test match Nazionale Italiana di rugby: Italia-Australia

Cenni Storici

Nell’Aprile 1987, col Padova vicino al ritorno in serie B, il Comune di Padova fa richiesta di contributo in base alla Legge 63 del Ministro Capria, per la costruzione di uno stadio interessato alle partite dei mondiali di Italia ’90. A Novembre dello stesso anno il Ministro Franco Carraro emana un piano distribuzione dei contributi dello stato in cui figura come beneficiaria anche la città di Padova. Il 21 marzo 1988 il Comune approva la convenzione per la costruzione del nuovo stadio con il consorzio Padova Sport (Nonostante la forte opposizione del consigliere Mario Liccardo, contrario all’inserimento della pista d’atletica nel progetto; ed il voto contrario di Ivo Rossi); ed il 2 dicembre 1989, una volta terminato il lungo iter burocratico, si svolge la cerimonia per la posa della prima pietra. Il progetto originale dell’architetto Gino Zavanella venne mutuato da quello già scartato a suo tempo dal Comune di Torino per l’edificazione dello stadio Delle Alpi.
Da subito il nuovo stadio non ha vita facile, a causa degli atti di intimidazione e dei sabotaggi da parte dei proprietari dei terreni su cui dovrebbe sorgere il nuovo impianto sportivo
L’esplosione dello scandalo di Tangentopoli nel 1992 fa si che i lavori per la costruzione dello stadio subiscano una brutta frenata: a luglio in merito alle indagini su tangenti incassate per la costruzione del nuovo stadio di Padova, diversi esponenti della politica padovana finiscono in carcere e molti altri ricevono avvisi di garanzia; lo stesso Consorzio Padova Sport chiede all’Amministrazione Comunale la sospensione dei lavori. lamentando mancati pagamenti dei lavori già effettuati. Lavori che riprenderanno solo nel 1993, per la messa a norma delle strutture già esistenti.

Il nuovo stadio sarà pronto per il ritorno del Calcio Padova nella massima serie, nell’agosto 1994, pur risultando palesemente incompleto: è infatti dotato di una sola curva (La Nord, che nelle intenzioni iniziali doveva contenere gli ultras di casa), mancano i raccordi fra le gradinate e la curva e la copertura nelle due tribune. La Curva Nord viene giudicata insufficiente per contenere la tifoseria di casa, e così viene ricavato un nuovo settore a Sud-Est dello stadio, da una porzione di Tribuna e Gradinata Est, ribattezzato appunto “Curva Sud” (Anche se la vera Curva Sud vedrà la luce solo cinque anni più tardi). Verrà deciso di ribattezzare il nuovo stadio col nome “Euganeo”, nonostante un sondaggio lanciato da alcuni quotidiani locali fra i tifosi e la cittadinanza avessero fatto emergere una preferenza per il nome “Nuovo Appiani”.
Nel 1998 i lavori ripresero, pur con alcune variazioni sul progetto originale, per concludersi nell’estate 1999 con la costruzione della Curva Sud, destinata ad accogliere i tifosi di casa.
Tuttavia l’Euganeo presenta dei problemi strutturali di non poco conto, come la presenza della pista d’atletica (utilizzata una volta l’anno, in occasione del Meeting Città di Padova), con le tribune eccessivamente lontane dal campo di gioco, la struttura eccessivamente dispersiva e poco fruibile in quando costruito in una zona periferica in cui non transitano mezzi pubblici. Pian piano il malcontento della tifoseria emerge sempre di più, unitamente alla nostalgia per il vecchio Stadio Appiani (tuttoggi considerato la vera casa del Calcio Padova): non sono pochi i tifosi che, anche grazie all’avvento delle televisioni, iniziano a disertare uno stadio bollato all’unanimità come “anticalcio”.
Nel 2008 gli ultras, stanchi di assistere alle partite da una Curva Sud lontana circa 50 metri dal campo, si trasferiscono nel settore di Tribuna Sud-Est ribattezzato “Tribuna Fattori” in memoria dello storico addetto stampa del Padova, Gildo Fattori.
Nel dicembre 2011 la partita fra Padova e Torino viene sospesa a causa di un guasto all’impianto elettrico dello stadio, e la successiva indagine strutturale di luglio 2012 portò alla luce diversi difetti relativi alla costruzione ed all’incuria dello stadio, nonchè carenze igieniche.
Dal 2011 si è iniziato a pensare ad ipotizzare la riqualificazione dello stadio, e sono stati elaborati diversi progetti per l’eliminazione della pista d’atletica e l’avvicinamento delle tribune al campo, nonchè per la creazione di una nuova linea tramviaria che colleghi lo stadio col centro cittadino. 
Nel febbraio 2016 l’amministratore delegato del Calcio Padova, Roberto Bonetto, presenta un progetto privato per la ristrutturazione dell’Euganeo, attraverso l’abbattimento e la ricostruzione in loco di un impianto più piccolo, nell’ambito di un più ampio progetto che prevede nella stessa zona l’edificazione di nuove aree sportive, medico-sportive, commerciali e residenziali. Tuttavia, per mancanza della copertura finanziaria, il progetto viene accantonato, per essere ripreso poi nel 2018. Attualmente è ancora oggetto di discussione fra la società biancoscudata ed il Comune di Padova.

Foto