Il primo pezzo del puzzle

Dunque, Mister Mandorlini è stato il primo tassello del Calcio Padova 2020/21. Il secondo a dire la verità (il primo è stato Paponi), ma sicuramente il più importante. Perchè non era detto che firmasse, ricordiamo che era partito per le vacanze lasciando il contratto in sospeso. Poi evidentemente è stato convinto dal progetto e soprattutto dai 5 milioni che Ourghoulian ha messo sul piatto per fare la squadra. E non è poco.

Ricordiamo che Mandorlini è un tecnico di una certa esperienza, che a Padova ci era già passato nel 2006/07, in sostituzione di Pellegrino. Doveva rimanere anche la stagione successiva, ma arrivò la proposta del Siena, allora in serie A, e tanti saluti. Ma in quei pochi mesi all’ombra del Santo, il tecnico ravennate era riuscito a prendere una squadra allo sbando, in piena zona retrocessione e portarla ad un passo dai playoff, riportando entusiasmo anche sugli spalti (Ricordo ancora la sera di Padova-Massese, una delle più belle serate di tifo all’Euganeo). Riuscendo soprattutto a farsi ben volere dai tifosi, sia per il suo modo di giocare, che per il suo carattere poco incline alla diplomazia (e certi “senatori”, gente che faceva il bello ed il cattivo tempo in spogliatoio, messi in riga da lui potrebbero confermarlo…).

Personalmente penso che il Mandorla sia il tipo giusto per questa piazza: sa farsi rispettare, ha sufficiente pelo sullo stomaco per sopportare sia le pressioni ambientali (visto che, si dice, siano un problema), sia per mandare a farsi una vacanza ai caraibi qualche giornalista un pò troppo polemico. E ritroverà Sogliano, diesse con cui ha già lavorato (più che bene) a Verona.

Tempo fa dissi che siamo alla vigilia di un grande Padova, e forse qualcuno pensava che mi stessi facendo trascinare troppo dall’entusiamo. Oggi, già in fase di mercato, stiamo vedendo delle dimostrazioni importanti, che stanno pian piano chiudendo la bocca ai vari disfattisti. L’augurio è che tutto ciò sappia restituire, almeno in parte, entusiasmo ad una piazza da troppo tempo ferita. Per ora, facciamoci due risate con quello che disse ai cugini di Vicenza ai tempi in cui allenava il Sassuolo…

Potrebbero interessarti anche...

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: